Movimento e sana nutrizione: indispensabili per la salute

Movimento e sana nutrizione: indispensabili per la salute

La nostra nutrizionista parla del movimento fisico e dei suoi benefici

 

“Se i benefici dell’esercizio fisico potessero essere incapsulati in una pillola, questa sarebbe sicuramente il farmaco più prescritto al mondo”.

A dirlo il Dottor Robert Butler del National Institute on Aging. 

Ed è proprio così, perché oggi sappiamo molto chiaramente che il rischio di ammalarsi di patologie estremamente diffuse come Diabete tipo 2, certi tipi di tumori, Depressione e malattie neurodegenerative possono essere prevenute se unitamente ad uno stile di vita sano in genere attenzionassimo alimentazione e regolare movimento.

Il problema dei nostri tempi è che spesso trattiamo patologie multifattoriali come il diabete di tipo 2 come se fossero delle malattie infettive, pensando di poterle risolvere semplicemente prendendo una pillola a vita. E purtroppo, o per fortuna, non è così. Patologie come il diabete di tipo 2 dipendono dall’interazione tra i nostri geni e fattori esterni come alimentazione e stile di vita in genere. E in questo senso mantenersi fisicamente attivi e mangiare bene svolgono un ruolo fondamentale per ridurre del 50% il rischio di soffrire di diabete di tipo 2 per esempio.

Non è un caso, infatti, che nelle linee guida dell'Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) le raccomandazioni per la prevenzione del rischio di malattie cardiovascolari, tumorali e neurodegenerative prevedano come pilastri portanti sana alimentazione e movimento.

TUTTE LE DIETE FANNO INGRASSARE!

Inoltre, quando ci mettiamo a dieta, ma non aumentiamo parallelamente anche il movimento ci scordiamo di una cosa fondamentale: tutte le diete fanno “ingrassare”.

Perché quando perdiamo peso, ma restiamo sedentari non perdiamo solo grasso ma anche una parte di tessuto magro. E perdere tessuto magro significa abbassare il nostro metabolismo, in poche parole la stessa dieta che fino ad un certo punto funzionava, smette di farlo. E noi saremo costretti a mangiare sempre di meno. Fino a quando frustrati da questa situazione (insostenibile) torneremo a mangiare “normalmente”, ma a quel punto anche se tornassimo allo stesso peso di partenza la nostra composizione corporea sarebbe completamente diversa. Il tessuto magro perso è andato (se non ci mettiamo a fare esercizio) e ciò che abbiamo messo su (anche a parità di peso) è tutto grasso!! 

Secondo l’OMS, per “attività fisica” si intende “qualunque movimento determinato dal sistema muscolo-scheletrico che si traduce in un dispendio energetico superiore a quello delle condizioni di riposo”.
In questa definizione rientrano non solo le attività sportive, ma anche semplici movimenti come camminare, andare in bicicletta, ballare, giocare, fare giardinaggio e lavori domestici, che fanno parte della “attività motoria spontanea”.

L’espressione “attività motoria” è sostanzialmente sinonimo di attività fisica.

Con il termine di “esercizio fisico” si intende invece l’attività fisica in forma strutturata, pianificata ed eseguita regolarmente (yoga, pilates etc.)
Quanta attività fisica è raccomandato fare? In generale si consiglia di praticare almeno 150 minuti a settimana di attività fisica programmata, intensa o moderata per gli adulti, ma recenti studi hanno dimostrato che basterebbero anche solo 15 minuti di attività fisica al giorno per ottenere effetti benefici anche nella prevenzione del rischio di ammalarsi delle sopracitate malattie.

Parallelamente a questo è sempre bene cercare di aumentare anche la così detta attività fisica spontanea nel nostro quotidiano. Prendere l’abitudine di fare le scale, camminare a piedi, muoversi in bici sono piccole cose che se fatte con costanza determinano un enorme risultato in termini di benessere fisico e mentale.

 

CORPO Y ALMA

via Zambeletti 4 20129 Milano

tel. 0229533412 - 375-7431236

www.corpoyalma.it - info@corpoyalma